Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo
Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Info+390239810868 o 3466872531

martedì 30 novembre 2010

DIRITTO AL FUTURO: SOSTEGNO AI GIOVANI PER LAVORO CASA E STUDIO


Prende il via con 216 milioni di euro, che diventano 300 grazie al cofinanziamento pubblico e privato l'iniziativa “Diritto al futuro” rivolta atutti i giovani, a sostegno del lavoro, della casa, dello studio.

Promossa dal ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, l’iniziativa èstata presentata il 24 novembre a Palazzo Chigi nel corso di una conferenzastampa, alla quale ha partecipato anche il Presidente del Consiglio deiMinistri, Silvio Berlusconi. In particolare, le misure riguardano:

  • un lavoro stabile per i giovani genitori precari; accesso al mutuo per le giovani coppie con contratti atipici;

  • un prestito garantito per gli studentiche desiderino proseguire gli studi dopo la scuola superiore iscrivendosi all’università, frequentando specializzazioni post laurea o approfondendo la conoscenza di una lingua;

  • un'alleanza tra risorse pubbliche e private per investire sul talento giovanile, l’istituzione di unapposito fondo volto a cofinanziare progetti per la promozione della capacità imprenditoriale tra i giovani under 35, favorendo e supportando la nascita o l'avvio di nuove imprese e sviluppando imprese già costituite, sostenendo il talento l'immaginazione e la creatività;

  • promuovendo lo sviluppo dell'innovazione tecnologica.

Inoltre, accordi con le regioni per finanziare attività in favore dei giovani e accordi con province e comuni, per finanziare attività in favore dei giovani e in particolare:la creatività urbana, i servizi agli studenti universitari, il rafforzamento degli Informagiovani, progetti di sicurezza stradale, ambiente e occupazione.

LEGGI Diritto al futuro, per i giovani italiani

giovedì 11 novembre 2010

INTERVISTA A MARIA MONTESSORI

ULTIMA ORA !!! ASASI
«R.T Sperava di conoscere in anticipo il nome del direttore generale dell’USR, ma la Montessori ha parlato di altro»

A seguito di una seduta spiritica, in realtà organizzata per conoscere il nome del nuovo direttore generale dell’USRS, spuntava a sorpresa Maria Montessori, nata a Chiaravalle il 31 agosto 1870 e morta a Noordwijk aan Zee il 6 maggio 1952. Pedagogista, filosofa, medico, scienziata, educatrice. Maria sarà iscritta alla scuola preparatoria comunale di Rio Ponte in Roma. Gli studi elementari non saranno molto brillanti a causa di problemi di salute e di una lunga rosolia. Studia francese e pianoforte, che abbandonerà presto.
Verso gli undici anni comincia ad appassionarsi agli studi. Passione giovanile è l'arte drammatica. Eccellente in italiano presenta lacune in grammatica e matematica. Nel febbraio del 1884 si apre a Roma la “Regia scuola tecnica femminile”. Maria è tra le prime dieci alunne e si diploma con 137/160. Subito abbiamo approfittato della sua apparizione per una veloce intervista.
ASASi: Dottoressa Montessori, ci parli del suo metodo pedagogico.
Maria Montessori: il metodo montessoriano parte dallo studio dei bambini con problemi psichici, espandendosi allo studio dell'educazione per tutti i bambini. Il metodo applicato su persone subnormali aveva effetti stimolanti anche se applicato all'educazione di bambini normali. Insomma, il bambino come essere completo, capace di sviluppare energie creative e possessore di disposizioni morali (come l'amore), che l'adulto ha ormai compresso dentro di sé rendendole inattive. Il principio fondamentale deve essere la libertà dell'allievo, poiché solo la libertà favorisce la creatività del bambino già presente nella sua natura. Dalla libertà deve emergere la disciplina. Un individuo disciplinato è capace di regolarsi da solo quando sarà necessario seguire delle regole di vita.
Il periodo infantile è un periodo di enorme creatività, è una fase della vita in cui la mente del bambino assorbe le caratteristiche dell'ambiente circostante facendole proprie, crescendo per mezzo di esse, in modo naturale e spontaneo, senza dover compiere alcuno sforzo cognitivo.
Molte regole dell'educazione consolidate nei primi anni del secolo cambiarono. I bambini subnormali venivano trattati con rispetto, venivano organizzate per loro delle attività didattiche. I bambini dovevano imparare a prendersi cura di se stessi ed erano incoraggiati a prendere decisioni autonome.
L'equivoco di base della psicologia scientifica era da ricercare nella sua illusione di fondo, secondo la quale erano sufficienti una osservazione pura e semplice e una misurazione scientifica per creare una scuola nuova, rinnovata ed efficiente.
“La persona che parla, disperdendo per l’atmosfera dei suoni articolati non è sufficiente. Bisogna che la parola diventi permanente, si solidifichi sugli oggetti, si riproduca con le macchine, viaggi attraverso i mezzi di comunicazione, raccolga i pensieri di persone lontane, e possa quindi eternarsi in modo da fissare le idee nel susseguirsi delle generazioni. Per questo è che, mancando del linguaggio scritto, un uomo rimane fuori della società”.
La padronanza dell’alfabeto arricchisce l’uomo, estende i suoi poteri naturali di esprimersi, li rende permanenti, li trasmette nel tempo e nello spazio, gli permette di rivolgersi all’umanità e alle nuove generazioni.
ASASi: Dottoressa Montessori, cosa pensa del modo in cui la scuola italiana accoglie i diversabili, cioè i giovani che lei chiamava subnormali?
Maria Montessori: Cambiando continuamente i nomi non si migliora la situazione. Credo invece che la struttura dei docenti di sostegno sia un errore pedagogico. Si rimarca la differenza del diversabile e si deresponsabilizzano gli altri docenti. Credo sia solo un modo di moltiplicare i posti di lavoro pubblici. Invece credo nella professionalità e nella specializzazione del consiglio di classe. Io ho insegnato tutta una vita, ma sono un medico. Occorre formare e selezionare adeguatamente i consigli che accolgono i diversabili, e non tutti possono essere accolti. Non dimentichiamo che la scuola è il luogo deputato all’istruzione, non è una casa di cura né un riformatorio e i giovani con gravi handicap hanno bisogno di cure specialistiche in
strutture apposite: non possono essere parcheggiati in un’aula.
ASASi: Dottoressa Montessori, quale differenza nota tra i tempi del fascismo, in cui lei visse, e i tempi attuali?
Maria Montessori: il fascismo mi definì “abile ammaliatrice”, “camuffatrice”, “affarista”. Nel 1934 arriva l'ordine di chiusura di tutte le scuole Montessori, sia per adulti che per bambini, fatta eccezione per due o tre classi che vivranno nella semiclandestinità. Nello stesso anno anche Hitler ordina la chiusura delle scuole Montessori in Germania e Austria. Nel 1933 esce “La pace e l'educazione”, ma ero ormai emarginata dalla cultura fascista e non mi resterà che andare negli USA, dove il New York Tribune mi presentò come the most interesting woman of Europe, e in Olanda. Nel 1936 il Regime chiude per ordine del ministro De Vecchi anche la Regia scuola triennale del Metodo Montessori, che a Roma preparava le maestre, fin dal 1928.
Oggi voi non state meglio, penso al “codice disciplinare per i dirigenti scolastici”di Brunetta. Se le
dichiarazioni possono essere “lesive dell'immagine dell'amministrazione”, si rischia la sospensione dal servizio e dello stipendio. Ma penso anche a un Ministro e a due sottosegretari (per non parlare dei consulenti) che non riuscendo a completare il concorso a ispettore, mandando al massacro i 426 presidi siciliani che hanno nominato col concorso del 2004, impedendo ogni continuità didattica, ledono giorno dopo giorno l’immagine della Pubblica Amministrazione come mai era avvenuto.
I miei tempi erano più seri: nel 1907, a San Lorenzo, apre la prima Casa dei Bambini, in cui si applica una nuova concezione di scuola d'infanzia. Da quel momento, il metodo avrebbe riscosso un buon interesse nel Nord America, col tempo poi affievolitosi, fino al ritorno in auge sostenuto da Nancy McCormick Rambusch, fondatrice, nel 1960, della Società Montessori Americana.
Dal successo dell'esperimento romano nasce il movimento montessoriano, dal quale nel 1924 avrà origine la scuola magistrale Montessori e l'“opera Nazionale Montessori”, eretta, quest'ultima, in Ente Morale e volta alla conoscenza, alla diffusione, all'attuazione e alla tutela del mio Metodo. Oggi non si intravvede nessun metodo, ciascuno insegna a suo modo quello che vuole: la disciplina è assente tra gli studenti, ma anche in seno al personale.
R.T.

Lettori fissi