Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo
Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Info+390239810868 o 3466872531

martedì 27 ottobre 2009

IUniScuola.Salone Italiano dell’Educazione

Fiera di Genova 11 - 13 novembre 2009
«Esonero dal servizio ai docenti interessati ».




ECCO LA COMUNICAZIONE del Ministero dell'Istruzione,
dell'Università e della Ricerca - Direzione generale per
lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la
Comunicazione -Ufficio VIII


Dall’11 al 13 novembre 2009 la Fiera di Genova ospiterà la VI edizione di ABCD, Salone Italiano dell’Educazione.

ABCD è il luogo di confronto dove convergono ed interagiscono gli operatori e i fruitori del "sistema educazione" attraverso incontri, iniziative, seminari, dedicati ai temi di maggiore attualità: dalla prevenzione alimentare alla conoscenza del territorio, dall'orientamento all'uso delle tecnologie multimediali e digitali, dai temi dell'università e della ricerca alle nuove tecnologie.

La manifestazione di quest’anno si presenta arricchita da nuovi e stimolanti contenuti in grado di rispondere alle esigenze dei visitatori e delle aziende specializzate nella fornitura di prodotti e servizi per la scuola e l’educazione.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è presente alla manifestazione con un proprio spazio espositivo all’interno del quale, in collaborazione con l’ANSAS, allestirà una piccola aula multimediale, dove docenti esperti condurranno esercitazioni sull’uso delle LIM.

Nello stand saranno presenti anche gli Uffici Scolastici Regionali della Liguria, del Piemonte, della Lombardia, dell’Emilia Romagna e della Toscana che presenteranno delle best practices prodotte dalle scuole del territorio di propria competenza.

Di particolare importanza è il convegno internazionale “LIM e contenuti digitali – modifica degli ambienti di apprendimento”, promosso dal Dr. Giovanni Biondi – Capo Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali del MIUR - che si terrà presso la Sala Riviera mercoledì 11 novembre 2009 dalle ore 15 alle ore 17,30.

La nota del 5 ottobre 2009 prot.n. 14940 prevede l'esonero dal servizio dei docenti interessati alla manifestazione.

Ulteriori informazioni possono essere reperite sul sito ABCD – Salone Italiano dell’Educazione

venerdì 23 ottobre 2009

Al via le elezioni 2009 delle RSU Scuola in Calabria

IUniScuola.Ecco la circolare MIUR Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria - Prot. n.AOODRCAL 16849 - Catanzaro, 22/10/2009 indirizzata ai Dirigenti Scolastici di ogni ordine e grado della Regione Calabria
Oggetto: Comparto Scuola - Elezioni R:S:U:1° - 3° DICEMBRE 2009
Si comunica che sul sito dell’ARAN – www.aranagenzia.it – sezione “Relazioni Sindacali” – voce – RSU Scuola 2009 – è stata pubblicata la nota della stessa Agenzia prot. N. 7658 del 10/09/2009, diretta a tutte le Istituzioni scolastiche, con la quale si è provveduto a riassumere tutti i chiarimenti utili allo svolgimento delle elezioni in parola. Si richiama, pertanto, l’attenzione delle SS.LL. sulla scrupolosa osservanza delle indicazioni contenute nella suddetta nota, nonchè sull’obbligatorietà per le istituzioni scolastiche di consegnare copia della medesima nota a tutte le Organizzazioni sindacali presentatrici di lista ed alle Commissioni elettorali.E’ il caso, infine, di richiamare l’attenzione su quanto previsto dal paragrafo 13.”Compiti delle Istituzioni Scolastiche”, in cui – tra l’altro – viene sottolineato che la Scuola deve favorire la più ampia partecipazione dei lavoratori alle operazioni elettorali, informandoli tempestivamente dell’importanza delle elezioni, facilitando l’affluenza alle urne mediante un’adeguata organizzazione del lavoro.
per il DIRETTORE GENERALE Il Dirigente f.to Giuseppe Mirarchi

>>Calendario

>>Modulistica per la presentazione delle liste RSU IUniScuola

mercoledì 21 ottobre 2009

Scuola.Il posto fisso«adesso lo vuole anche Tremonti con l'elogio di Berlusconi»


Blog di Dino Dono PER UN FEDERALISMO CHE UNISCE EUROPA: Leonardo Donofrio(foto) dello IUniScuola:"Ritornare al contratto di lavoro indeterminato"

[novembre 2008]«L'eurodeputato Stauner insiste inoltre sull'importanza di ritornare al contratto di lavoro indeterminato, come forma di contratto principale, per "garantire il rispetto dei diritti fondamentali come quello di avere un lavoro stabile"».


[19.10.2009,LA STAMPA it]-«Il posto fisso come «valore» culturale alla base delle società europee, pilastro che ha consentito la realizzazione di un sistema di welfare che garantisce scuola, sanità e pensioni. A tessere un simile elogio del lavoro stabile, contro la cultura dominante della flessibilità, è stato un pò a sorpresa il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti».
[21.10.209,IL GIORNALE it]-«ALLA fine è Silvio Berlusconi a chiudere la querelle sul posto fisso»-che va avanti dalla prima mattina fino al pomeriggio inoltrato. Gli echi delle parole di Giulio Tremonti - che lunedì aveva detto di «non considerare la mobilità un valore» per poi elogiare il posto fisso come «base su cui organizzare un progetto di vita» e «una famiglia»

lunedì 12 ottobre 2009

Leonardo Donofrio(foto): Signor ministro mi consenta un'opinione personale


Lasciare perdere le soluzioni salvaprecari e prepensionamenti e pensare a un decreto-legge 140/bis "MISURE URGENTI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA " (...FANFANI, MINISTRO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA) ]
TU COSA NE PENSI? Dillo allo IUniScuola: info 388 3642614 oppure scrivere a scioperosilenziosoiuniscuola@gmail.com

Ecco il DECRETO-LEGGE 3 MAGGIO 1988, n. 140 (GU n. 104 del 05/05/1988)
Lettura consigliata per una buona legge 2009:
ART. 1.
1 .I DOCENTI DELLA SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE, SECONDARIA E DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE ARTISTICA STATALI CHE HANNO PRESTATO SERVIZIO IN QUALITÀ DI SUPPLENTI ANNUALI NELLO ANNO SCOLASTICO 1986-87 CON NOMINA CONFERITA DAL PROVVEDITORE AGLI STUDI E, NEI CONSERVATORI DI MUSICA E NELLE ACCADEMIE, DAI DIRETTORI HANNO TITOLO AD ESSERE MANTENUTI IN SERVIZIO PER L'ANNO SCOLASTICO 1987-88, QUALORA RISULTINO INCLUSI NELLA RELATIVA GRADUATORIA.


2 . LA NORMA DI CUI AL COMMA PRIMO SI APPLICA ANCHE AI DOCENTI INCLUSI NELLE GRADUATORIE FORMATE AI SENSI DELL' ARTICOLO 25 DELLA LEGGE 25 AGOSTO 1982, N. 604 , PER L'ANNO SCOLASTICO 1986-87, I QUALI ABBIANO PRESTATO SERVIZIO CON SUPPLENZA DI DURATA ANNUALE, O PER ALMENO CENTOTTANTA GIORNI, SU POSTI STATALI NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE ITALIANE ALL'ESTERO NEL MEDESIMO ANNO SCOLASTICO 1986-87, OVVERO, A PARITÀ DELLE SUDDETTE CONDIZIONI, PER I PAESI PER I QUALI L'ANNO SCOLASTICO ABBIA INIZIO IN DATA DIVERSA DA QUELLA DEL TERRITORIO METROPOLITANO, CHE ABBIANO PRESTATO SERVIZIO DURANTE L'ANNO SCOLASTICO 1986-87 E CHE RISULTINO IN SERVIZIO ALLA DATA DEL 31 AGOSTO 1987.

[leggi tutto...]

venerdì 9 ottobre 2009

Approvazione della Legge Brunetta di riforma della Pubblica Amministrazione

09/10/2009 - Approvazione del decreto legislativo di attuazione della Legge Brunetta di riforma della Pubblica Amministrazione (Legge n. 15 del 4 marzo 2009)

Questa mattina il Consiglio dei Ministri ha definitivamente approvato il decreto legislativo di attuazione della Legge Brunetta di riforma della Pubblica Amministrazione (Legge n. 15 del 4 marzo 2009).
La riforma garantisce una migliore organizzazione del lavoro pubblico, assicura il progressivo miglioramento della qualità delle prestazioni erogate al pubblico, ottiene adeguati livelli di produttività del lavoro pubblico e riconosce finalmente i meriti e i demeriti dei dirigenti pubblici e del personale.
E' la prima volta nella storia della Repubblica che una legge così articolata e rilevante per il rilancio dell'efficienza e della produttività economica nel Paese viene approvata in poco più di 15 mesi.
La riforma coinvolge tutte le amministrazioni pubbliche ed è stata ampiamente condivisa dalle autonomie territoriali. Il decreto legislativo si inserisce nel quadro di un più ampio disegno di riforma che porterà – a seguito dell’emanazione della "Carta dei doveri" – a un cambiamento radicale nei rapporti tra P.A., cittadini-utenti e imprese.
continua... leggi tutto

Precari/Scuola:"DICIAMO BASTA A CISL scuola – UIL scuola – SNALS – GILDA "


Visualizza>>>[Modulo di disdetta sindacale] e
[indirizzi Direzione prov. Tesoro per l'invio della disdetta]

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
I precari della scuola sono impegnati da un anno ad attuare una serie di azioni di protesta miranti a fermare il progetto di smantellamento della scuola pubblica portato avanti dal ministro Gelmini. Nella loro mobilitazione, consapevoli della necessità di una lotta condivisa ed unitaria, hanno in più occasioni chiesto alle organizzazioni sindacali tutte di intervenire non solo con attestati di stima e solidarietà, ma con iniziative concrete che mirassero a difendere la dignità di migliaia di operatori della scuola che dopo anni di precariato rischiano di essere espulsi dal mondo del lavoro.
Le organizzazioni sindacali CISL, UIL, SNALS e GILDA al di là dei comunicati ufficiali e delle parole “luccicanti” utilizzate nelle varie assemblee, hanno attuato una politica sindacale che non solo non è riuscita ad arginare le iniziative del Ministro Gelmini e del Ministro Brunetta, ma in più occasioni ha avallato l’iter legislativo delle varie riforme della scuola e del lavoro.
Le organizzazioni sindacali CISL, UIL, SNALS e GILDA si sono caratterizzate per:
1) la sottoscrizione dello schema di decreto attuativo della legge 15/2009, cosiddetto decreto Brunetta, che rappresenta un grave attacco al diritto di contrattazione nei settori pubblici con il conseguente svuotamento del contratto collettivo nazionale;
2) la palese e voluta incapacità di proporre iniziative di lotta in grado di fermare il processo di dequalificazione della scuola pubblica avviato con la legge 133/2008;
3) la totale condivisione delle politiche che hanno portato il governo Berlusconi a proporre la soluzione tampone ed assistenziale dei “contratti di disponibilità” (decreto salva-precari) e dei “diversi” accordi Stato-regione;

Dopo la mancata adesione, delle suddette sigle sindacali, alla manifestazione dei precari del 3 ottobre a Roma, riteniamo che non sia più il tempo di delegare la lotta per il lavoro e per una scuola pubblica di qualità a quelle organizzazioni sindacali che stanno consentendo, con le loro strategie politiche insufficienti ed inefficienti, il più grande licenziamento di massa che la storia della Repubblica Italiana ricordi.
Per tali motivi invitiamo tutti gli operatori della scuola, precari e di ruolo, a ritirare la loro iscrizione alle organizzazioni sindacali CISL SCUOLA, UIL SCUOLA, SNALS e GILDA-UNAMS.
PRECARI DELLA SCUOLA IN LOTTA - Palermo

IUniScuola:Efficacia delle graduatorie di circolo e di istituto

Ecco la nota di precisazione del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio Scolastico Provinciale di Milano Via Ripamonti 85 - 20141 MILANO Ufficio Reclutamento personale della scuola

Prot. MIURAOOUSPMI R.U. n. 36317 del 8.10.2009
Ai Dirigenti Scolastici Scuole ed Istituti Statali di ogni ordine e grado Milano e provincia

Oggetto: D.M. 82/09 – Precisazioni.

In riferimento al D.M. citato in oggetto, trasmesso attraverso la rete intranet e pubblicato sul sito dell’ufficio, si evidenzia che, come precisato nella C.M. n. 14655 del 30.9.2009, gli elenchi “prioritari” costituiti ai sensi del predetto D.M. producono effetto a partire dalla data della loro diffusione e fino a tale dato hanno piena efficacia le graduatorie di circolo e di istituto già pubblicate in via definitiva. Pertanto conservano validità tutti i contratti di supplenza già stipulati in base ad esse.
Il termine di presentazione delle domande per l’inclusione negli elenchi “prioritari” è stato prorogato al 14 ottobre p.v. con D.D.G. 6.10.2009. Poiché in applicazione della procedura prevista dal D.M. 82/09 risulteranno graduatorie su base distrettuale, le SS.LL. sono invitate a gestire in rete l’attribuzione delle supplenze, al fine di rendere la procedura pienamente rispondente ai principi di efficacia ed economicità dell’attività amministrativa. Ringraziando per la collaborazione, si porgono distinti saluti. F.to Il Dirigente Giuliana Pupazzoni MCDB/sc

giovedì 1 ottobre 2009

CHI DA MESI ESPRIME SODDISFAZIONE PER IL "SALVA PRECARI" DIMENTICA I DOCENTI DELLA 3°FASCIA

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO



[Per ora attenzione alla pubblicita' ingannevole e a false promesse di "salva precari"]

E 'ANCORA VALIDA? L'INTESA GELMINI/FORMIGONI del 7.09.09
“Visualizza>>Io, professoressa più precaria di tutti i precari”

Buongiorno a tutti,
sono una docente non abilitata,in graduatoria di istituro 3° fascia classi di concorso A021 DISCIPLINE PITTORICHE;A022 DISCIPLINE PLASTICHE;A023 DISEGNO E MODELLAZIONE ODONTOTECNICA;
A025 DISEGNO E STORIA DELL'ARTE;A027 DISEGNO TECNICO ED ARTISTICO;A028 EDUCAZIONE ARTISTICA,che per effetto del ridimensionamento, dei tagli e perchè non escono concorsi nè esistono più corsi abilitanti mi trovo disoccupata e molti gravano nella mia stessa condizione.
L'anno precedente ho avuto una nomina da settembre a giugno presso un istituzione scolastica di Milano che ha perduto l'autonomia ed ora non ho ricevuto nessuna richiesta.
Io chiedo la continuità di insegnamento, per gli insegnanti e per gli
studenti ma con il decreto salvaprecari in realtà vengo tagliata fuori.
Ho aderito alla vertenza nazionale proposta dall'associazione Istruzione Unita Scuola( IUniScuola).Sostengo la manifestazione del 3 Ottobre p.v.
Con il D.M. salva precari,non solo addio al posto fisso, ma anche alle supplenze.
Suggerisco a tutti i colleghi laureati precari a presentare la domanda per il contratto di disponibilità e ho scelto le indicazioni di IUniScuola.
francescarubano@...
Dal sito web del MIUR NORMATIVA
Con la nota prot.14655 il Miur ha trasmesso (con gli allegati)
il D.M. n. 82 del 29 settembre 2009 – Precedenza assoluta
nell’assegnazione delle supplenze per assenza temporanea del
personale in servizio nelle scuole.


VISUALIZZA allegati:
>>>D.M. 82 del 29 settembre 2009

>>>Modello personale docente

>>>Modello personale A.T.A.

>>>Distretti

Dal sito web Regione Lombardia
"ACCORDO PRECARI DELLA SCUOLA DELLA LOMBARDIA NEL DETTAGLIO
"
(Intesa Gelmini/Formigoni del 7 settembre 2009)
Si tratta del sussidio di disoccupazione per docenti e personale ATA precari che hanno lavorato nelle scuole della Lombardia nell'anno scolastico 2008/2009 per supplenze annuali con contratto a tempo determinato e che non hanno visto riconfermato il proprio incarico nell'anno 2009/2010.
Per i destinatari di questo accordo viene prevista una integrazione del contributo di disoccupazione (pari al 60% della retribuzione per i primi 6 mesi e 50% per gli ulteriori due mesi) fino al raggiungimento del 100% dello stipendio, ed un loro impiego nelle scuole e nei CFP (Centri di formazione professionale) accreditati per progetti che possano arricchire l'offerta formativa, per attività di orientamento, accompagnamento, recupero e reinserimento degli studenti a rischio di dispersione, inserimento e accompagnamento dei disabili, inserimento e integrazione degli studenti stranieri, valorizzazione e diffusione delle diverse forme di alternanza scuola-lavoro.
Nel 2010/11 è previsto il rientro nel sistema grazie al turn over.
Il personale impegnato nel progetto maturerà pieno punteggio nella graduatoria, come se svolgesse la supplenza annuale.
Le risorse stanziate da Regione Lombardia ammontano a 15 milioni di euro.
Fonte Regione Lombardia -Dal documento approvato dal Tavolo del Patto per lo Sviluppo in data 16 settembre 2009"

Lettori fissi